Indice articoli

 

Tutto quanto esiste, Te prega

tutti gli esseri Ti rendono omaggio, o Dio,

quelli che parlano e quelli che non parlano,

quelli che pensano e quelli che non pensano.

Il desiderio dell'universo,

il gemito di tutte le cose,

salgono verso di Te.

Tutto quanto esiste, Te prega

ed a Te ogni essere

che sa vedere dentro la Tua creazione,

un silenzioso inno fa salire a Te.

Gregorio di Nazianzo, Poesie dogmatiche

 


 

 

E' tempo, anima mia

E' tempo, anima mia, è già tempo

se vuoi conoscere te stessa,

il tuo essere ed il tuo destino,

donde vieni e dove è giusto che tu riposi,

se vita è quella che vivi

o se aspetti di meglio.

Mettiti all'opera, anima mia,

bisogna che tu purifichi la tua vita così:

cerca Dio ed i suoi misteri,

quel che c'era prima di questo universo

e che cosa è quest'universo per te,

donde viene e quale è il suo destino.

Mettiti all'opera, anima mia,

tempo è che tu purifichi la tua vita.

Gregorio di Nazianzo, Poesie su se stesso, LXXVIII

 


 

 

Per l'avvento del Regno

Preghiamo che Gesù regni su di noi, che la

nostra terra sia liberata dalle guerre e dagli assalti

dei desideri carnali e che allora,

quando questi saranno cessati,

ognuno riposi all'ombra della sua vite,

del suo fico, del suo olivo.

Sotto la protezione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

riposa l'anima che ha ritrovato

in sé la pace della carne e dello spirito.

A Dio eterno gloria nei secoli dei secoli.

Amen.

Origene, Omelia XXII sul libro dei Numeri

 


 

 

Invocazioni alla Vergine

Nella tua tenerezza ci rifugiamo,

o Madre di Dio.

Nelle nostre angustie

le nostre suppliche non disprezzare,

ma liberaci dal pericolo,

o sola pura,

o sola benedetta.

Antichissima preghiera su papiro, dall'Egitto

 


 

 

All'angelo custode

Angelo santo,

che vegli sulla mia povera anima

e sul mio corpo,

perdonami tutto quello

che ha potuto offenderti

in tutti i giorni della mia vita

e tutte le colpe di oggi.

Proteggimi nella notte che si avvicina

e guardami dalle insidie

e dagli' attacchi del maligno,

perche io non incorra nello sdegno di Dio

col peccato.

Intercedi per me presso il Signore

affinchè mi fortifichi nel suo timore

e faccia di me un servo degno

della sua santità.

Macario l'Egiziano, Preghiere

 


 

 

Non ricordare i miei peccati!

Non ricordare più i miei peccati;

se ho mancato,

per la debolezza della mia natura,

in parole, opere e pensieri, tu perdonami,

tu che hai il potere di rimettere i peccati.

Deponendo l'abito del corpo,

la mia anima sia trovata senza colpa.

Più ancora: degnati, o mio Dio,

di ricevere nelle tue mani l'anima mia

senza colpa e senza macchia

quale una gradita offerta.

Gregorio di Nissa, Vita di S. Macrina

 


 

 

Salvaci, Signore!

Dio onnipotente, che hai creato il cielo e la terra

e tutto quello che è in essi,

vieni in mio aiuto ed abbi pietà di me,

perdona i miei peccati; salvami nell'ora presente

e nell'avvenire per il Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo.

Per lui ti sia resa gloria e potenza nei secoli dei secoli.

Amen.

Preghiera su papiro, dall'Egitto

 


 

 

Gesù, lava le mie colpe!

Gesù vieni, ho i piedi sporchi.

Per me fatti servo.

Versa l'acqua nel bacile.

Vieni, lava i miei piedi.

So che quel che dico è temerario;

ma temo la minaccia delle tue parole:

"Se non ti laverò i piedi, non avrai parte con me".

Lavami dunque i piedi perche abbia parte con te.

Ma che dico, lava i miei piedi?

Questo l'ha potuto dire Pietro

che aveva bisogno di lavarsi solo i piedi

perche era tutto puro.

lo invece, una volta lavato i piedi,

ho bisogno di quel battesimo di cui il Signore ha detto:

"Quanto a me, con un altro battesimo

devo essere battezzato".

Origene, Omelia V su Isaia, 2

 


 

 

Questo pane sia dato a noi ogni giorno

lo invece, una volta lavato i piedi,

ho bisogno di quel battesimo di cui il Signore ha detto:

"Quanto a me, con un altro battesimo

devo essere battezzato".

Preghiamo che ogni giorno questo pane sia dato a noi,

che viviamo nella grazia di Cristo,

ed ogni giorno riceviamo l'Eucaristia

quale farmaco di salute,

affinche non ci avvenga che sospesi per qualche misfatto

dalla comunione del Pane celeste,

siamo separati dal corpo di Cristo.

Cipriano di Cartagine, L'orazione del Signore

 


 

 

Preghiera per il popolo

Noi confessiamo te, o Dio che ami gli uomini,

e ti presentiamo la nostra debolezza,

pregandoti di esser tu la nostra forza.

Perdonando i peccati passati, rimettici le colpe di un tempo,

fa' di noi degli uomini nuovi.

Rendici tuoi servi, puri e senza macchia.

Ci consacriamo a te: ricevici, o Dio di verità,

ricevi il tuo popolo e cancella ogni sua colpa;

fallo vivere nella rettitudine e nell'innocenza.

Tutti siano in grado di essere annoverati tra gli angeli,

e tutti siano eletti e santi.

Ti preghiamo per quelli che hanno la fede

e hanno riconosciuto il Signore Gesù Cristo;

che essi siano confermati nella fede,

nella conoscenza e nella dottrina.

Ti preghiamo per questo popolo; verso tutti sii clemente,

manifestati e mostra la tua luce;

tutti riconoscano te, Padre increato,

e il tuo Figlio unico, Gesù Cristo.

Ti preghiamo per tutte le autorità; il loro governo sia pacifico

per la tranquillità della Chiesa cattolica.

Ti preghiamo, Dio delle misericordie,

per i liberi e per gli schiavi,per gli uomini e per le donne,

i vecchi ed i fanciulli, i poveri ed i ricchi;

mostra a tutti la tua benevolenza, su tutti stendi la tua bontà;

di tutti abbi pietà e dirigi la loro strada verso di te.

Ti preghiamo per quelli che soffrono,

per i prigionieri e i bisognosi; fortificali tutti;

liberali dalle catene, dalla miseria; confortali tutti,

tu che sei il sollievo e la consolazione.

Ti preghiamo per gli ammalati; concedi loro la salute,

la guarigione dai loro mali; concedi

loro una salute perfetta del corpo e dell'anima.

Tu sei il Salvatore ed il Benefattore;

tu sei il Signore e il Re di tutti.

Ti abbiamo rivolto la nostra preghiera per tutti,

per mezzo del tuo Unico, Gesù Cristo;

per lui ti siano rese gloria e potenza nello Spirito Santo,

ora ed in tutti i secoli dei secoli.

Amen.

Serapione, Eucologio, 5

 


 

 

Sul sepolcro di Abercio

Cittadino di una eletta città,
ancor vivo, eressi questo monumento
per avere al momento supremo
un luogo di riposo per il mio corpo.
Di nome Abercio, sono discepolo
di un venerando pastore
che pascola i greggi di pecore
al monte ed al piano,
che spinge dovunque il suo sguardo potente;
questi mi insegnò le scritture fedeli.
Mi mandò a Roma a contemplare un regno
e a vedere una regina
dalle vesti d'oro e dai calzari d'oro.
Vidi anche un popolo
che aveva uno splendido segno.
Vidi la pianura di Siria
e tutte le città, e Nisibi,
passato l'Eufrate,
e dovunque trovavo dei confratelli.
...................................
La fede mi guidava dappertutto
e dovunque miprqcurò per alimento
un pesce di acqua sorgiva,
immenso, puro,
che una santa vergine prese
e diede in cibo agli amici
avendo un vino prezioso
e dandolo commisto col pane.

Queste cose feci scrivere così
io, Abercio, all'età di settantadue anni.
Ognuno che intende queste cose
e condivide il mio sentire
preghi per Abercio.

Iscrizione funeraria del Vescovo Abercio, dalla Frigia

 


 

 

Inno ai martiri

O beati martiri,
o grappoli umani della vite di Dio,
il vostro vino inebria la Chiesa;
luci gloriose e divine,
che avete accettato con gioia tutti i tormenti
e vinto gli iniqui carnefici;
gloria alla potenza che vi ha assistito
quando combatteste!
Il Dio venuto per la nostra salvezza
abbia pietà di noi.

Rabbula di Edessa, Inni

 


 

 

Preghiera per un battezzando

Ti preghiamo, Dio di verità, per il tuo servo;
e ti chiediamo di renderlo degno del tuo divino
mistero e della ineffabile rigenerazione. Te lo
presentiamo, te l'offriamo, o amico degli uomini.
Concedigli di partecipare alla nuova nascita
divina; non sia toccato da nessuno spirito maligno
o perverso, ma ti serva in ogni circostanza,
osservi i tuoi comandamenti. Il tuo Verbo, il Fi-
glio unico, lo accompagni.
Perche a te appartengono la gloria e la po-
tenza, per Gesù Cristo, nello Spirito Santo, in
tutti i secoli dei secoli. Amen.

Serapione, Eucologio, 8

 


 

 

Per ottenere il perdono dei peccati

Benefattore di chi a te si rivolge, apportatore
di luce in ogni tenebra, giardiniere di ogni seme,
coltivatore di ogni crescita spirituale dell'uomo,
abbi pietà di me, Signore, e fa' di me un tempio
immacolato. Non guardare ai miei peccàti; se
guardi ad essi non potrò più sostenere la tua
presenza,
Con la tua grande misericordia e con la tua
infinita compassione, cancella le mie macchie per
il Signor nostro Gesù Cristo, tuo unico Figlio,
santissimo medico delle nostre anime. Per lui ti
sia resa gloria, potenza, onore e magnificenza,
nei secoli dei secoli, che non finiscono. Amen.

Preghiera su papiro

 


 

 

Rialzami, o Signore!

Sono stato deluso, o mio Cristo,
per il mio troppo presumere:
dalle altezze sono caduto molto in basso.
Ma rialzami di nuovo ora, poiché vedo
che da me stesso mi sono ingannato;
se troppo ancora confiderò in me stesso
subito cadrò e la caduta sarà fatale.

Gregorio di Nazianzo, Poesie su se stesso, LXVII

 


 

 

L'Eucaristia, salvezza nostra

Il tuo Corpo sacro
crocifisso per noi,
noi mangiamo;
il tuo prezioso Sangue
versato per noi,
noi beviamo.
Il tuo Corpo sia la nostra salvezza
e il tuo Sangue ci liberi dalle colpe.
Per la tua tomba nuova
e per la tua sepoltura
noi rinasceremo nell'anima e nel corpo.
Per la tua risurrezione
che ci richiama alla vita,
noi risorgeremo e staremo eretti
dinanzi alla tua giustizia.

Da Borgia, Frammenti Eucaristici antichissimi

 


 

 

L 'Eucaristia, sorgente di ogni grazia

Il tuo sacramento, o Signore Gesù Cristo,
ci porti la vita e la remissione dei peccati:
per noi la passione è stata consumata.
Tu hai bevuto per noi il fiele
perché fosse spenta in noi ogni amarezza;
hai bevuto per noi il vino acido
per sollevare la nostra stanchezza;
sei stato vilipeso per noi
per poterci inondare
di una rugiada immortale;
hai lasciato che i bastoni ti colpissero
per assicurare alla nostra fragilità
la vita eterna;
sei stato coronato di spine
per coronare i tuoi fedeli
con i verdi allori della carità;
sei stato avvolto in un lenzuolo
per poterci rivestire della tua forza;
sei stato deposto nella tomba,
per darci una grazia nuova nei secoli nuovi.

Bonnet, Supplementum Codicis Apocryphi

 


 

 

Gli altari del Cristo trionfano

Rallegrati, o Chiesa, sposa del Cristo.
La risurrezione dello Sposo
ti ha rialzato dalla terra
su cui giacevi ed eri calpestata.
Gli altari dei demoni
non disperdono più i tuoi figli,
ma i templi del Cristo
accolgono i nuovi battezzati.
La tirannia degli idoli si avvicina alla fine,
gli altari del Cristo trionfano.

Asterio d'Amasea, Omelia XIX sul salmo 5

 


 

 

Il Signore benedica il suo popolo

La mano pura e vivificante, la mano del Figliolo
unico, la mano che toglie tutti i mali, che
porta santità e protezione, si stenda sulle teste
di questo popolo. Su di esso si spanda la benedizione
dello Spirito, la benedizione del cielo, la
benedizione dei Profeti e degli Apostoli, La benedizione
conservi i corpi nella purezza e nella
castità, le anime nello studio, nella conoscenza
e nei misteri.
Tutti insieme siano benedetti per mezzo del
tuo Figliolo unico, Gesù Cristo. Per lui ti siano
rese gloria e potenza nello Spirito Santo, ora ed
in tutti i secoli dei secoli.

Serapione, Eucologio, 6

 


 

 

II Signore benedica tutta la terra

Ricordati di coloro che ricorrono a te; sia onorata
la tua Chiesa cattolica, santa e unica, esaudisci
le nostre preghiere e le nostre suppliche
e benedici tutta la terra per il tuo Figlio unico,
Gesù Cristo; per lui ti siano rese gloria e potenza,
nello Spirito Santo, in tutti i secoli dei secoli.

Serapione, Eucologio, 6

 


 

Per il Vescovo e la comunità cristiana

Noi ti invochiamo, Salvatore e Signore, Dio
di ogni corpo e sovrano di ogni spirito, dispensatore
benedetto di ogni benedizione: santifica
il nostro vescovo, proteggilo, preservalo da ogni
tentazione, dagli la sapienza e la conoscenza, conducilo
sulle tue vie.
Ti preghiamo anche per i sacerdoti che l'as-
sistono; santificali, donando loro la sapienza e la
conoscenza ed una dottrina retta; ci dispensino
la tua verità in modo irreprensibile e retto.
Santifica anche i diaconi; siano essì puri nel
cuore e nel corpo: compiano il loro servizio con
retta coscienza e veglino sul tuo corpo sacro e
sul tuo sangue prezioso.
Preghiamo anche per i suddiaconi: santifica
tutti i ministri della Chiesa, a tutti concedi pietà,
misericordia e aiutali a progredire.
Ti preghiamo per quelli che conducono vIta
eremitica, per coloro che conservano la verginità;
compiano la corsa senza colpa e chiudano la vita
senza incidenti, affinche possano passare tutti i
loro giorni nella purezza e nella santità.
Abbi pietà di tutti coloro che vivono nel matrimonio,
uomini e donne, e anche dei loro figlioli;
concedi a tutti la grazia di migliorarsi e di
progredire: tutti diventino uomini fervidi ed eletti
per il tuo Figlio unico, Gesù Cristo: per lui ti
siano rese gloria e potenza nello Spirito Santo,
ora e nei secoli. Amen.

Serapione, Eucologio, 11

 


 

Per le Chiese del silenzio

Ricordati, o Signore, dei nostri padri e fratelli
che sono nei ceppi e nelle carceri, prigionieri
ed esiliati, condannati alle miniere, alle torture
ed alla dura schiavitù: ciascuno possa raggiungere
in pace il proprio focolare...
Ricordati, Signore, di ogni anima cristiana
sofferente ed afflitta che aspetta la tua misericordia
ed il tuo aiuto divino; e fa' tornare chi
è smarrito.
Ricordati, Signore, dei nostri padri e fratelli
venerati che vivono nella verginità, nel timor
di Dio e nell'ascesi, che abitano mortificandosi
nelle montagne, caverne ed antri della terra;
ricordati delle comunità cristiane sparse dappertutto
e della nostra comunità radunata qui nel
Cristo.
Ricordati, Signore, dei nostri padri e fratelli
che s'affaticano e ci servono per il tuo santo
nome; abbassa l'arroganza dei pagani, esalta la
forza dei cristiani, concedi a tutti la tua pace
e la tua carità, Dio e Salvatore nostro, speranza
di tutti i popoli della terra.

Dalla Liturgia di san Giacomo

 


 

Preghiera nelle persecuzioni

Preghiamo che ci sia presto restituita la pace,
che presto possiamo uscire dai nostri
nascondigli ed avere aiuto nei pericoli;
che si compia quanto il Signore si è degnato
di annunziare ai suoi servi: la restaurazione
della Chiesa, la sicurezza della nostra salute,
il sereno dopo la pioggla, la luce dopo
le tenebre, la calma tranquilla dopo le
tempeste e l'uragano, l'aiuto premuroso del
suo amore paterno, le consuete grandezze
della divina maestà per cui siano rintuzzate
le bestemmie dei persecutori, sia più sincera
la penitenza dl coloro che caddero e sia
glorificata la fede forte ed incrollabile
di coloro che perseverarono.

Cipriano di Cartagine, Lettera VII, 8

 


 

Per il trionfo della verità

Con tutto il cuore preghiamo il Signore
perché voglia concederci di poter lottare
con tutte le forze dell'anima e del corpo sino
alla fine per il .trionfo della verità.
Che se verrà il tempo in cui la nostra fede
sarà messa alla prova (poiché come l'oro
si prova nella fornace, così la nostra fede
si prova nell'ora del pericolo e delle
persecuzioni) , se scoppierà una persecuzione,
essa ci trovi preparati, sicché la nostra casa
in inverno non crolli e la nostra dimora
non sia distrutta dall'uragano
come se fosse costruita sulla sabbia.
E quando i venti del demonio,
il peggiore degli spiriti, soffieranno,
resistano le nostre opere che hanno resistito
sino ad oggi e che non siano minate
dall'interno; e preparati al cimento,
manifestiamo l'amore che abbiamo verso Dio
in Gesù Cristo, al quale spetta la gloria
e la potenza nei secoli dei secoli.

Origene, Omelia X su Ezechiele, 5

 


 

Rendimi forte, o Signore!

Accogli le parole che dalla mia anima
e dal mio cuore salgono a te, o ineffabile,
che parli nel silenzio. Ti supplico che io
non mi inganni nella conoscenza
della nostra natura più vera;
chinati verso di me e rendimi forte ed io farò
risplendere questa grazia sui miei fratell
i che sono figli tuoi.
La mia anima appartiene allo Spirito Santo.
Per questo credo e confesso la mia fede
da cui ricevo luce e vita.
Sei degno di lode, o Padre;
Il tuo servo vuol santificarsi con te,
secondo la possibilità che tu gli hai dato.
A te la gloria, ora e sempre
e nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera su papiro

 


 

Per ottenere la grazia della perseveranza

Se ti vediamo, o Signore non morremo.
Se confessiamo il tuo nome,
non corriamo il rischio di perderti.
Se ti preghiamo, saremo ascoltati.
Rendici, o Signore, il vigore della nostra
forza primitiva, degnati di mantenerci in esso
senza interruzione sino alla fine.
Dacci la grazia di esser confermati, fortificati,
fino alla piena statura
e fino al compimento perfetto.

Preghiera su papiro

 


 

Preghiera del mattino

All'inizio di questo giorno offro a Dio la mia
destra nella promessa di non compiere
né permettere nulla di male, ma di dedicarti,
o Signore, questa nuova giornata,
rimanendo fermo nei propositi
e dominando le mie passioni.
Di essere ancora così mediocre,
mi rende vergognoso la mia vecchiezza
e soprattutto la mensa santificata cui io partecipo.
Queste sono le mie intenzioni, o mio Cristo:
e tu guidami sulla retta via.

Gregorio di Nazianzo, Poesie su se stesso, XXIV

 


 

Inno della sera

Luce gioiosa di santa gloria dell'immortale
Padre celeste, santo, beato, o Cristo Gesù,
giunti al tramonto del sole,
guardando la luce (della lampada) vespertina
eleviamo un inno al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo, Iddio.
E' giusto in ogni tempo inneggiare a te
con voce pura, o Figlio di Dio, che doni la vita
per la qual cosa il mondo ti glorifica.

Inno delle lampade

 


 

Preghiera per la notte

Concedi alle mie palpebre un sonno leggero
sicché la mia lingua non resti a lungo
muta alla tua lode.
Né il tuo creato taccia nel rispondere
al coro degli angeli.
Ma il mio riposo sempre con te mediti
pensieri pii, né la notte trattenga
le colpe del giorno trascorso.
Né le follie della notte turbino i miei sogni.

Gregorio di Nazianzo, Poesie dogmatiche, XXXII

 


 

Preghiera di una vergine

Mi conservo pura per te
e con la lampada accesa
ti vengo incontro, o Sposo.
Largitore di vita tu sei, o Cristo.
Io ti saluto, luce senza tramonto.
Accogli questo grido.
Il coro delle vergini ti invoca,
fiore perfetto, amore, gioia,
prudenza, sapienza, Verbo.

Metodio di Olimpo, Banchetto delle dieci vergini, II

Joomla SEF URLs by Artio