Cristo
Questo piccolo libro ha costituito per secoli un preciso punti di riferimento per la spiritualità cristiana, tanto che si può considerare "il libro più letto dopo il Vangelo, meditato nei monasteri, letto nella vita religiosa e sacerdotale, tenuto come manuale di formazione cristiana robusta per tante generazioni di laici, di cristiani nel mondo" (Enzo Bianchi).

L'Imitazione di Cristo, il cui autore resta sconosciuto, benché possa essere collocato in ambiente monastico attorno ai secoli XIII-XIV, costituisce un semplice e concreto tracciato di vita ascetica. La tensione spirituale che lo anima, ne fa un testo fondamentale nel tracciare una via alla ricerca di Dio, all'abbandono dell' "uomo vecchio" per costruire l'"uomo nuovo", per radicare interiormente una profonda spiritualità personale.

Imperniato sulla dialettica tra le cose di lassù e quelle terrene di quaggiù, tra l'uomo esteriore che si va disfacendo e l'uomo interiore che permane, l'Imitazione di Cristo non presenta naturalmente quelle sensibilità vive oggi, nei confronti della comunionalità ecclesiale, dell'impegno nella costruzione delle realtà terrene, della carità attuata nell'ottica della dottrina sociale della Chiesa.

In questo senso è un'opera che non esaurisce tutti gli aspetti della vita cristiana e tutte le esigenze del Vangelo, ma costituisce ancor oggi, come per tanti secoli passati, un importante mattone nella costruzione di una santità cristiana perenne ed attuale.

 

Joomla SEF URLs by Artio